• Tromba

     

    TROMBA

    “La tromba, nobilissimo strumento che da sempre ha accompagnato i momenti più drammatici e gioiosi della storia dell’umanità” (Sir John Eliot Gardiner)

    La tromba appartiene alla famiglia degli ottoni ed è uno strumento ad “ancia labiale”, ovvero il suo suono è prodotto dalla vibrazione delle labbra.

    Per questo motivo le sue origini sono antichissime, in quanto la tecnica impiegata per suonarla è simile a quella degli strumenti ad ancia labiale utilizzati in epoche remote. Suonare la tromba richiede una grande concentrazione, perché è possibile emettere suoni differenti utilizzando la medesima diteggiatura, il che rende molto difficile emettere una nota senza averla prima “immaginata” mentalmente.

    Alcuni tra gli strumenti che possono essere suonati dai trombettisti al giorno d’oggi – oltre alla tromba – sono la cornetta, il flicorno, il trombino e la tromba barocca (cliccare sulle parole evidenziate per guardare i video). Ognuno di questi strumenti viene costruito in differenti tonalità, che ne modificano il timbro.

    Da sempre il suono squillante e penetrante della tromba – che all’occorrenza può tramutarsi in suono dal timbro più scuro e morbido – attira tutti trombacoloro che amano la musica. Il suo fascino ha contagiato numerosi compositori di colonne sonore per il cinema, come Ennio Morricone (La leggenda del pianista sull’oceano, Per un pugno di dollari) – il quale da giovane ha studiato la tromba – John Williams (Indiana Jones, Star Wars) e Quentin Tarantino (Pulp Fiction).

    La tromba può essere impiegata nella musica classica come strumento solista, in orchestra o negli ensemble, nelle cerimonie civili, in chiesa, nelle bande civili e militari, nella musica jazz come strumento improvvisatore, nella musica contemporanea, nella musica pop, soul, funky, rhythm and blues, ska, reggae e in numerosi altri contesti.

    Il suono poderoso di questo strumento, che nell’antichità veniva usato per comunicare segnali udibili a centinaia di metri di distanza, può essere attutito notevolmente tramite l’utilizzo di apposite sordine da studio, mentre altri tipi di sordina riescono a modificarne il timbro in maniera artistica, come la Buket o la Harmon.

    Per suonare la tromba viene richiesta una grande capacità di controllo del proprio corpo, mentre non è necessaria una eccessiva forza fisica, come spesso erroneamente si crede. Per questo motivo la tromba è uno strumento che si presta a essere suonato da donne, uomini, bambini, bambine e, talvolta, anche da “improbabili musicisti”…

    docente di Tromba al Liceo Musicale Attilo Bertolucci: Matteo De Angelis

     

     TROMBA PROGRAMMI/CONTENUTI – DISCIPLINA ESECUZIONE ED INTERPRETAZIONE
     REPERTORIO
    primo strumento
     I BIENNIO
    • Scale maggiori e minori sino a tre bemolli e tre diesis
    • Esecuzione di due studi tratti da: D. Gatti (prima parte)  pag. 23 e 24
    • Esecuzione di almeno 2 studi tratti da: S. Heiring (40 studi progressivi) da pag. 16 sino alla fine
    • Esecuzione di almeno due studi tratti da: Arbans da pag. 11 a pag. 25
    • Esecuzione di almeno un semplice brano per tromba e pianoforte
     II BIENNIO Scale legate e staccate maggiori e minori sino a quattro diesis e quattro bemolliEsecuzione di almeno cinque studi tratti da:

    • – G. D’Amato – ed. Marani – da pag. 18 a pag. 20;
    • – S. Peretti prima parte (dai “14 studi melodici”) n. 1, 3, 10, 14;
    • – H. Pietzsch – Seconda parte – n. 12, 15, 21, 22;

    Esecuzione di almeno un brano per tromba e pianoforte

    Trasporto in Do e Mib

     QUINTO ANNO
    • Esecuzione di un brano o di un tempo da concerto con l’accompagnamento del  pianoforte
    • Esecuzione di due studi tratti dal metodo Peretti parte II o dal J. Fuss
    • Esecuzione di un brano o di uno studio che preveda il trasporto in una o più tonalità
    secondo strumento
     I BIENNIO
    • Scale maggiori e minori con almeno un’alterazione in chiave
    • Esecuzione di almeno due studi tratti da: D. Gatti (prima parte) da pag. 8 a pag. 17
    • Esecuzione di almeno due studi tratti da: S. Heiring (40 studi progressivi) fino a pag. 15
    • Esecuzione di almeno due studi tratti da: Arbans da pag. 11 a pag. 25
    • Esecuzione di un semplice brano per tromba e pianoforte
     II BIENNIO
    • Scale maggiori e minori sino a tre bemolli e tre diesis
    • Esecuzione di due studi tratti da : D. Gatti (prima parte)  pag. 23 e 24
    • Esecuzione di almeno due studi tratti da: S. Heiring (40 studi progressivi) da pag. 16 sino alla fine
    • Esecuzione di almeno due studi tratti da: Arbans da pag. 11 a pag. 25
    • Esecuzione di almeno due studi tratti da: Clodomir (70 little studies) ed. IMC fino a pag. 11
    • Esecuzione di almeno un brano per tromba e pianoforte