• Pianoforte

     

    PIANOFORTEpiano forteIl “Gravicembalo col piano e forte”, chiamato poi Pianoforte , è stato  costruito attorno al 1710 da Bartolomeo Cristofori.In precedenza esistevano già altri strumenti a tastiera, come il clavicembalo, il clavicordo, la spinetta, ecc., ma quello dell’inventore italiano fu il primo strumento a tastiera a corde metalliche percosse che differiva dagli altri  per l’ampiezza della sonorità e per la meccanica.
    In tre secoli, la fortuna del pianoforte è andata via via crescendo sia per le migliorie tecniche apportate, sia perché praticamente tutti i grandi musicisti hanno scritto musica per tale strumento: Beethoven, Chopin, Liszt, Schumann, ecc. Nell’ottocento alcuni di questi compositori/pianisti  hanno portato lo strumento al massimo della sua grandezza, accrescendo anche la letteratura pianistica di notevole virtuosismo. Per il pianoforte  è stata scritta una mole immensa di musica di ogni genere, sino ai nostri giorni.
    Non è uno strumento orchestrale, ma nel novecento molti musicisti (ad es. Strawinsky),  lo hanno inserito nell’orchestrazione di loro composizioni molto importanti nel panorama musicale, dandogli un ruolo in orchestra pari a quello degli altri strumenti.
    Il pianista, che solitamente si esibisce come solista o a volte accompagnato da un’orchestra, con il suo strumento ha la possibilità di suonare in formazioni diverse come trii, quartetti, ecc. Può eseguire trascrizioni orchestrali di opere, canzoni, improvvisare musica jazz, musica leggera, e questo perché le capacità sonore sono vaste e dovute ad una tastiera di 88 tasti neri e bianchi disposti a gruppi alternati e suddivisi in ottave; tasti disposti da sinistra a destra dal più grave al più acuto, dai quali si possono appunto ottenere suoni molto bassi e molto acuti.
    E’ uno strumento utile nelle varie professioni musicali, nella composizione, nell’accompagnamento dei cori e dei cantanti solisti, e viene utilizzato durante  le prove di spettacoli teatrali di vario genere.
    Il pianoforte può essere a coda o verticale ed avere dimensioni diverse. Si va dalla lunghezza di un quarto di coda, di cm. 135 circa, ai 275 cm. circa  del grancoda da concerto. Il pianoforte verticale (a muro) varia più che altro in altezza a seconda delle marche e dei modelli. Quest’ultimo è molto  indicato come strumento da studio e si possono  trovare in commercio ottimi pianoforti verticali. Negli ultimi decenni  sono stati costruiti  pianoforti digitali o tastiere che possono essere utilizzate nei primi anni  di studio o quando si deve suonare in ambienti ristretti e in particolari condizioni; hanno costi inferiori rispetto a quelli dei pianoforti acustici e tradizionali, ma sonorità e funzionamento sono completamente  diversi. Esistono anche dei congegni meccanici da applicare ai pianoforti verticali che permettono di silenziare lo strumento e di studiare in tranquillità a tutte le ore.
    La costruzione di un pianoforte richiede grande perizia e precisione; oggigiorno esistono numerose fabbriche di pianoforti alcune storiche come quelle tedesche, americane, inglesi o francesi e altre sono sorte negli ultimi decenni. I costruttori si avvalgono di tecnici esperti, ingegneri del suono e anche valenti artigiani, che hanno il compito di perfezionare continuamente questo meraviglioso strumento sia nella parte meccanica sia nella scelta dei materiali, come dei legnami pregiati, e che cercano di creare sonorità sempre più raffinate che appaghino l’orecchio dell’esecutore ma anche dell’ascoltatore.
    Così il pianoforte può continuare  a regalarci sempre grandi emozioni.

                                                           Link a brani per pianoforte:

     

     

     

    Docenti di pianoforte al Liceo Attilio Bertolucci: Alberto Spinelli, Graziella Maliani, Maria Chiara Iemmola, Enrico Melle, Rosanna Zerulo

     

    PIANOFORTE PROGRAMMI/CONTENUTI – DISCIPLINA ESECUZIONE ED INTERPRETAZIONE
     REPERTORIO
    primo strumento
     I BIENNIO
    • Scale maggiori e minori per moto retto e contrario e in terza su due e quattro ottave e arpeggi maggiori e minori
    • Brani polifonici a due e tre voci (da Frescobaldi alla musica contemporanea), Canoni di Kunz, Pozzoli, Trombone, J.S. Bach: 23 pezzi facili, Invenzioni a due e tre voci, Suites Francesi, Suites Inglesi
    • Forme pianistiche brevi (dallo stile galante alla musica contemporanea) (Schubert, Schumann, Chopin etc.)
    • Sonate (dallo stile galante alla musica contemporanea): (Clementi, Mozart, Beethoven, etc.)
    • Studi di tecniche differenziate di livello pari o superiore a Czernyana Fasc. 3, 4 e 5, Czerny op. 849, 299, 335,740, Duvernoy op. 120 e 176, Heller op. 45, 46 e 47, Cramer – 60 studi scelti, Clementi – Preludi ed Esercizi, Pozzoli – Studi, Bertini – Studi, o altri metodi e autori
    • Brani per pianoforte a quattro mani
    • Accompagnamento di attività di musica d’insieme
    • Lettura a prima vista 
     II BIENNIO
    •  Scale maggiori e minori a moto retto e contrario e in doppie terze e doppie seste e arpeggi a 3 ottave
    • Scelta di Preludi e Fughe dal Clavicembalo ben Temperato di J.S. Bach Vol. 1 e 2
    • Studi di tecniche differenziate di livello pari o superiore a: Clementi – Gradus ad Parnassum, Chopin – Studi op. 10 e op. 25, Mendelsshon – Preludi e Studi op. 104, Moscheles – Studi op. 70, Liszt – 12 Studi op. 1
    • Sonate di Beethoven, Mozart, Haydn e Scarlatti
    • Importanti composizioni del repertorio romantico e contemporaneo
    • Brani per pianoforte a quattro mani
    • Accompagnamento di attività di musica d’insieme
    • Lettura a prima vista 
     QUINTO ANNO
    • Scale maggiori e minori in doppie terze e seste
    • Scelta di sei Preludi e Fughe dal Clavicembalo ben Temperato di J.S. Bach Vol. 1 e 2
    • Perfezionamento di sei studi di tecniche differenziate di livello pari o superiore scelti tra: Clementi – Gradus ad Parnassum, Chopin – Studi op. 10 e op. 25, Mendelsshon – Preludi e Studi op. 104, Moscheles – Studi op. 70
    • Una Sonata di Bethoven o Mozart
    • Una importante composizione del repertorio romantico o contemporaneo
    • Brani per pianoforte a quattro mani
    • Accompagnamento di attività di musica d’insieme
    • Lettura a prima vista
    secondo strumento
     I BIENNIO
    •  Scale maggiori a moto retto per due ottave sino a quattro alterazioni
    • F. Beyer op. 101 Scuola preparatoria del pianoforte o altri metodi
    • Czernyana Vol. 1 e 2 o altri metodi
    • J. Bastien – Metodo di pianoforte per adulti o altri metodi
    • Sonatine facili
    • Brani a quattro mani
    • Trascrizioni
    • Facili pezzi caratteristici
    • Lettura a prima vista
    • Accompagnamento di attività di musica d’insieme 
     II BIENNIO
    • Scale maggiori e relative minori a moto retto per due ottave sino a quattro alterazioni
    • Czernyana Vol. 3 e 4 o altri studi di media difficoltà ( Heller op. 45 e 47, , Duvernoy op. 120 o altri)
    • Sonatine e sonate facili
    • Composizioni di media difficoltà del periodo romantico
    • J. S. Bach: Il quaderno di A. Maddalena,
    • J. S. Bach: 23 pezzi facili
    • Lettura a prima vista
    • Accompagnamento di attività di musica d’insieme