• Dieci punti per l’uso dei dispositivi mobili a scuola BYOD – Bring your own device

    22 gennaio 2018

    E’ stato pubblicato in questi giorni dal MIUR il decalogo sull’uso dei dispositivi mobili a scuola.

    Il decalogo (scaricabile qui ) è frutto del lavoro di una specifica commissione che ha aggiornato le posizioni assunte nel 2007 dal ministro Fioroni sull’uso del “telefonino” a scuola. Oggi il telefonino non esiste neppure più e per evitare una rapida obsolescenza il decalogo parla più genericamente di dispositivi mobili a scuola (in modalità BYOD)..

    Il liceo Bertolucci, grazie alla sua decennale esperienza nel campo del digitale e all’impegno di docenti motivati e capaci di innovazione,  è pienamente in linea con le indicazioni del decalogo che in sostanza è da noi già totalmente operativo.

    Ad ogni inizio anno, ad esempio, la circolare di informazione generale alle voce “Telefoni cellulari, smartphone, tablet, notebook & C. nella scuol@2.0″ riportava il seguente testo:

    Le norme ministeriali vietano, durante le lezioni, l’uso dei telefoni cellulari, degli smartphone e di ogni altro device elettronico. E’ ovviamente consentito, nei tempi e nei modi definiti dai singoli docenti, l’uso didattico delle diverse tecnologie a disposizione degli studenti e della classeE’ inoltre assolutamente vietato utilizzare il telefono o altri strumenti per effettuare riprese digitali (video / foto) a meno che ciò non avvenga entro attività didattiche guidate da docenti (ad es.: cross medial information unit). Nel caso in cui il telefono cellulare sia impropriamente utilizzato durante le lezioni, i docenti sono tenuti a ritirare il telefono stesso (dopo averlo fatto spegnere) consegnandolo in dirigenza. Il telefono sarà restituito, di norma dal giorno successivo, solo alla presenza del genitore dello studente. Durante i compiti scritti i telefoni cellulari & C. ( a meno che non debbano essere utilizzati per svolgere i compiti stessi) devono essere posizionati sulla cattedra. Utilizzare altri telefoni cellulari, tablet & C. per comunicare con l’esterno durante compiti & verifiche (invio foto dei compiti, ricezione soluzione, ricerca on line di versioni, soluzioni, ecc.) implica l’avvio del procedimento per la sanzione disciplinare “allontanamento dalle lezioni” per almeno un giorno.

    Al Byod è inoltre dedicato un documento specifico (BYOD Policy – accordo per l’utilizzo dei dispositivi personali ) che fissa l’accordo d’uso e gli impegni reciproci tra scuola, docenti, studenti, famiglia.

    Per quanto riguarda la dimensione strutturale il liceo Bertolucci è servito da connessione in banda larga Lepida e si sta dotando proprio in questi giorni (con un investimento di circa 25.000 euro) di una struttura ancora più sicura per mettere a disposizione di tutti gli studenti del liceo l’accesso wi-fi alla banda larga con i propri device.

    Da ultimo il liceo è da anni impegnato in azioni di ricerca con primari centri studi internazionali (nel 2016/17 con la London School of Economics, nel 2017/18 con l’università di Dublino) e nazionali (quali co-fondatori, ad esempio, del movimento Avanguardie educative) sui temi del digitale e della ricaduta del digitale sulla vita degli adolescenti, delle loro famiglie, dell’ambiente di apprendimento-scuola.

    Il nostro impegno di educatori ed il cospicuo impegno di risorse economiche che hanno caratterizzato in questi anni il lavoro del Liceo Bertolucci non può quindi che guardare con soddisfazione al decalogo pubblicato dal MIUR ed in cui si ritrova totalmente.

    Decalogo device Miur